Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Morto nelle gole del Bottaccione a Gubbio, aveva 75 anni. Ha provato a salvarsi con una cintura

Il recupero del corpo Il recupero del corpo da parte dei vigili del fuoco

Si chiamava Walther Zanaroli e aveva 75 anni, l'uomo che è stato ritrovato senza vita nel fiume alle gole del Bottaccione, a Gubbio. Era originario di Montefiore Conca, in provincia di Rimini, e risultava scomparso dal primo dicembre. Il corpo è stato recuperato dal letto del fiume dalla squadra dei vigili del fuoco nella notte tra venerdì 8 e sabato 9 dicembre. Secondo gli investigatori è esclusa l'ipotesi di un gesto estremo da parte dell'uomo. Dovrebbe trattarsi di un incidente per la quale Walther Zanaroli è scivolato in fondo al dirupo. Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo si sarebbe fermato, probabilmente, per fare un bisogno e avrebbe provato a salvarsi utilizzando la cintura, che si è sfilato velocemente dai propri pantaloni, per tentare di agganciarsi a dei rovi. Prima del corpo, è stato ritrovata l'auto con all'interno il cellulare che l'uomo non ha potuto utilizzare per chiamare i soccorsi. La Procura di Perugia ha disposto l'autopsia per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto. Indagini in corso anche per capire le motivazioni che hanno spinto l'uomo a transitare in Umbria.

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...