Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Caso Elga Profili, Marchetti (Lega) al ministro: "I magistrati tutelino le donne che denunciano"

Riccardo Augusto Marchetti Riccardo Augusto Marchetti, segretario regionale della Lega

"Il Codice Rosso, fortemente voluto dalla Lega per tutelare le donne vittime di violenza, deve essere applicato dai Magistrati. Ho depositato un'interrogazione al Ministro della Giustizia Carlo Nordio dopo aver ascoltato la storia di una donna folignate vittima di stalking che ha a più riprese denunciato il suo persecutore, che però è ancora a piede libero e, nonostante il divieto di avvicinamento emanato dal Magistrato, da mesi continua a importunarla con pedinamenti, minacce, chiamate insistenti non solo a lei, ma anche ai suoi familiari e amici". Inizia così una nota del segretario della Lega Umbria, Riccardo Augusto Marchetti in merito al caso di Elga Profili, l'ex concorrente di Uomini e donne che ha denunciato sui social di essere vittima di stalking, ma che il suo persecutore non è agli arresti domiciliari come aveva chiesto il pm. "C'è ancora un processo in corso e, in attesa della sentenza, il giudice, ravvisando un pericolo per la vittima, ha disposto alcune misure cautelari nei confronti dell'uomo, che deve indossare il braccialetto elettronico e non può avvicinarsi all'abitazione né ai luoghi frequentati dalla donna. Nonostante queste misure però, come si legge negli atti giudiziari, le persecuzioni sono continuate in più occasioni, con violazioni ripetute anche più volte al giorno - spiega Marchetti - a seguito delle denunce della vittima, il pubblico ministero ha presentato richiesta di arresti domiciliari per l'imputato, che però è stata rigettata dal giudice, che ha aggiunto al divieto di avvicinamento l'obbligo di firma presso la Polizia. Continuiamo a promuovere campagne per infondere coraggio nelle vittime di violenza a denunciare, ma è fondamentale che le donne siano poi tutelate dalla Giustizia - conclude Marchetti - per questo ho chiesto al Ministro Nordio se non ritenga di dover aprire un'indagine per appurare se è stato fatto il massimo per garantire sicurezza e protezione alla donna di Foligno vittima di stalking".