Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Foligno, multe da una città in cui non è mai stato. La scoperta: gli hanno clonato la targa

divieto di sosta La prima multa scattata per un parcheggio in divieto di sosta

Si vede arrivare prima una multa per divieto di sosta e qualche tempo dopo una fattura da pagare per il servizio di rimozione di un carroattrezzi, provenienti da una località situata a poca distanza da Milano. Ma in quel preciso posto, come invece riferito dai verbali arrivati nell'estate scorsa, il signor Franco M, operaio 48enne di Foligno (e soprattutto sua madre, intestataria della vettura) non solo non c'è mai stato. Ma come sottolinea lui stesso, "le condizioni attuali della mia macchina, una Fiat Panda vecchio modello e molto
datata, non mi permetterebbero di arrivare neanche a? Perugia. Sono stato preso di mira? Sì, sono preoccupato". Da qui l'impugnazione di entrambi i verbali pervenuti (per violazione del codice della strada), ipotizzando una possibile truffa per certi versi classica, quella della targa dell'auto clonata da gente senza scrupoli. Truffa che, anche nella nostra regione, ha fatto registrare in passato diversi casi. Da qui le inevitabili segnalazioni e precisazioni fatte per iscritto dal folignate alle forze dell'ordine del luogo dove si sarebbe materializzato il raggiro (con assicurazioni via telefono, di un possibile errore nel rilevamento della targa da un addetto del posto e quindi facilmente rimediabile). E
quelle presentate qualche mese dopo alle forze dell'ordine locali. Il risultato? Purtroppo non quello sperato. Visto che proprio in questi giorni il nostro protagonista si è visto arrivare a casa altre sollecitazioni di pagamento diretto della multa. Una specie di incubo, quindi. "Negli ultimi tempi non abbiamo registrato fatti analoghi - sottolineano dal commissariato locale di polizia - tali cioè da far presagire ad un fenomeno ben radicato. La cosa che vale la pena sottolineare, però, è che quando ci si trova a fare i conti con tali raggiri, denunciare tutto nell'immediato è fondamentale. Senza far passare troppo tempo".