Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Gualdo Cattaneo, a scuola corsi per insegnanti sul fenomeno della violenza contro le donne

violenza donne

"Lavorare ogni giorno sulle azioni di prevenzione e contrasto al terribile fenomeno della violenza contro le donne, che è in costante aumento, è un impegno che continuiamo a portare avanti con azioni concrete oltre le ricorrenze".
Lunedì 6 novembre è partito all'Istituto comprensivo di Gualdo Cattaneo un percorso di formazione rivolto agli insegnanti, con l'obiettivo di sensibilizzare il mondo dell'istruzione, offrire strumenti conoscitivi e di intervento, nonché informare sui servizi che sono a disposizione nel territorio. Così la vice sindaca, con delega ai servizi sociali ed alle pari opportunità, Sabrina Annibali, ha presentato l'iniziativa messa in campo nel mese di novembre dall'amministrazione comunale, in collaborazione con l'associazione Liberamente Donna e l'Istituto comprensivo di Gualdo Cattaneo. Con il finanziamento da parte della Regione Umbria finalizzato ad attuare azioni a contrasto alla violenza di genere, oggi comincia il primo modulo di formazione di un percorso che si articolerà attraverso due successivi incontri tematici fino alla fine del mese. Un gruppo di 18 insegnanti dell'Istituto lavorerà nella prima giornata con le docenti formatrici.
"Un tema forte - commenta la dirigente scolastica dell'Istituto, Stefania Venturi -, quanto importante quello della prevenzione della violenza di genere: è un bene che sia affrontato a scuola, da professionisti attraverso una maggiore conoscenza delle strategie utilizzabili e dei servizi presenti sul territorio. Strumenti che rafforzano e consolidano il ruolo dirimente che la scuola ha nel costruire un rafforzato senso di autodeterminazione. Come comunità educante abbiamo quindi accolto con entusiasmo la proposta dell'amministrazione comunale. È senza dubbio una significativa opportunità di crescita personale e professionale e anche un bel segnale di coesione istituzionale".