Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Femminicidio di Pistrino, il luminol evidenza tracce di sangue cancellate nel bagno della casa

carabinieri del ris

Se sia stato lui a ripulire il bagno dalle tracce ematiche dopo la morte di Marielle Soethe, le indagini fino ad ora non lo hanno stabilito. Il suo Dna infatti non è stato trovato né sul
dispenser del sapone per le mani, né sul tappo del flacone di candeggina che, secondo i carabinieri del Ris, sarebbe stata usata per ripulire il bagno dal sangue. La certezza dell'operazione di pulizia è arrivata quando gli esperti della scientifica dell'Arma dei carabinieri hanno utilizzato il luminol. Il killer dunque, dopo aver violentato brutalmente e ammazzato Marielle a botte, ha cancellato tracce che potevano contenere anche il suo profilo genetico. Sul dispenser del sapone per le mani c'era Dna della vittima e un profilo maschile non attribuito. Così come altro Dna maschile non attribuito è stato isolato sulla gamba dei pantaloni della tuta della vittima e sull'asciugamano con cui è stato coperto il volto di Marielle. Ma il Dna, si sa, non è databile. Potrebbe essere lì da chissà quanto tempo.

Francesca Marruco, classe 1980, giornalista professionista è redattrice al Corriere dell'Umbria. Si occupa principalmente di cronaca nera e giudiziaria. Dalla pandemia in poi, che ha costretto tutti ...