Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Monica Bellucci e l'amore con Tim Burton: "Anima bellissima, sono felice". La pasta e le ciabattine

Tim Burton e Monica Bellucci Tim Burton e Monica Bellucci


"E' sempre difficile parlare di un incontro privato. Posso dire solo che per me è un incontro umano speciale: Tim è un'anima bellissima e sono molto felice". Il cuore di Monica Bellucci è tornato a battere per un uomo. La notizia di un rapporto sentimentale con Tim Burton si era diffusa già da tempo, ma ora è l'attrice e supermodella di Città di Castello a parlare della storia. Lo fa in una intervista concessa a Sette il settimanale del Corriere della Sera. Si confessa, in un lungo botta e risposta, alla giornalista Elvira Serra e lo fa senza tirarsi indietro davanti alle domande più intime, così come quella su cosa vuole fare a 60 anni. Sposarsi di nuovo? "L'importante - risponde - per me è continuare a stare bene e fare cose che mi piacciono e mi stimolano". E quale è il rapporto di Monica Bellucci con il tempo che passa? Risponde ancora senza giri di parole: "Sono come tutti. Mi dico che fare la guerra con qualcosa che è troppo più potente di noi è inutile. Ognuno ha il suo modo di far fronte al tempo che passa, ma già quando dici che il tempo sta passando sei fortunata. Io mi sveglio e sto bene e le mie figlie stanno bene e penso che questa sia la cosa più importante". Dopo aver spiegato che si è emozionata per la recente interpretazione della figlia Deva nel La Bella estate e che la seconda erede, Léonie a 13 anni "ha una sensibilità molto artistica, ma è ancora piccola", spiega che nelle sue cucine non mancano mai pasta, parmigiano, olio, mozzarelle e prosciutto e che ha incontrato soltanto due volte Sophia Loren. Confessa che in casa indossa le ciabattine, che il teatro è stato per lei un grande piacere ma anche una sofferenza e che le viene il mal di pancia prima di un debutto o della proiezione d'esordio di un suo film. Si è emozionata a lavorare con Gene Hackman e Morgan Freeman e non vede l'ora di incontrare Renzo Piano. Il premio a cui è affezionata di più? Il David di Donatello.