Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Città di Castello, il Comune attiva un link per migliorare la sanità locale

luca secondo sindaco Il sindaco Luca Secondi e l’assessore Benedetta Calagreti

Non solo uno sportello per raccogliere le lamentale, pure giuste, ma un cambio di paradigma con un panel di proposte per migliorare la sanità locale. Suggerimenti, proposte, segnalazioni su tutto quello che ruota attorno al panorama della sanità: da giovedì 9 novembre chiunque potrà farlo cliccando su un link messo a disposizione dal Comune di Città di Castello.
Direttamente dal proprio computer o smartphone, tutti i cittadini che vorranno potranno fornire suggerimenti e/o osservazioni in materia di sanità pubblica. "Alla luce della mobilitazione degli ultimi mesi, e constatate le criticità legate all'attuale sistema sanitario pubblico,
ci sembrava opportuno dare a tutti l'opportunità di dire la propria. Ciò che vorremmo sottolineare, è l'importanza di fornire un contributo costruttivo, non critiche sterili o mere segnalazioni di disservizi, di cui già si occupano gli sportelli preposti. Una volta selezionate le istanze maggiormente rappresentative, ci adopereremo per sottoporle all'attenzione dei vertici sanitari e politici della Regione Umbria", hanno dichiarato il sindaco Luca Secondi e l'assessore alle Politiche sociali, Benedetta Calagreti, nel ricordare che sull'argomento, assai sentito dalla popolazione, lo scorso 23 settembre sindacati, comuni, associazioni e cittadini in maniera spontanea e unitari hanno organizzato una manifestazione di fronte l'ospedale tifernate per i servizi sanitari del territorio. In quella occasione il sindaco Secondi aveva affermato che "l'impegno di tutti i promotori è quello di continuare la lotta e la mobilitazione attraverso un continuo e costante coinvolgimento di tutte le comunità dell'Alto Tevere, perché, partendo dal basso, istituzioni, sindacati, associazioni, con un forte coinvolgimento popolare, possano costruire le condizioni per fare ritornare la sanità un bene comune e diffuso nel territorio".